QUESTA E' UNA PAGINA ESTERNA. VAI AL SITO PRINCIPALE
THIS IS 'AN EXTERNAL PAGE. GO TO MAIN SITE

 

 

DOLCI TIPICI NAPOLETANI

Babą al Rhum
Ingradienti

250 g. di farina 3 uova intere 1 cucchiaio di zucchero 70 g. di burro fuso 4 cucchiai di latte 1 cucchiaio di lievito di birra 2 bicchierini di Rhum scuro

Procedimento

Il babą napoletanoSbattere le uova con lo zucchero, unire il burro fuso, aggiungere il lievito sciolto nel latte, 1 pizzico di sale. Unire la farina ed impastare. Lasciare lievitare 2 ore, poi rimescolare il tutto e lasciare lievitare di nuovo per altre due ore. Il composto che si ottiene risulterą ben lievitato, di colore giallo e cremoso. Inumidire le mani e creare delle palline di impasto che lascerete cadere all'interno di stampini a forma di bicchiere precedentemente oleati con strutto di maiale e farina. Fatto questo bisognerą fare lievitare di nuovo l'impasto dentro agli stampini, quindi infornare infornare. Cuocere a calore moderato fino a quando il babą sarą gonfiato e di un bel colore marrone dorato.. togliere dagli stampini, lasciar raffreddare. Importante: Prima di bagnare i babą con la bagna al rhum bisogna fare riposare i babą appena cotti per un giorno intero, Questo procedimento permette al babą di assorbire uniformemente la bagna, senza spaccarsi. Per la bagna al rhum: Unire a 1/2 litro d'acqua 6 cucchiai di zucchero ed aggiungere 2 bicchieri di rhum scuro. Assicurarsi che la bagna sia raffreddata e immergere completamente  i babą dentro al composto liquoroso. Il babą sarą pronto quando la sua massa raddoppia di volume. Servire freddo. P.S. (Il Babą va degustato con le mani, senza alcuna posata.)

 
Sfogliatelle ricce

 

Ingradienti
1 Kg di farina 34 uova00 g sugna 20g sale fino 300 g acqua 250g semolino 250 g ricotta 250 g zucchero a velo 80 g cedro e scorzette candite 1 bustina vanillina un pizzico di cannella,sale
Procedimento per la sfoglia:

 disponete la farina sulla spianatoia insieme al sale e all’acqua fredda e cominciate ad impastare. Dovete ottenere un impasto consistente e fare una palla,avvolgerla nella pellicola e metterla in frigo per mezz’ora. Stenderla formando un quadrato e al centro ponetevi la sugna morbida. Ripiegate gli angoli verso il centro coprendo la sugna e col matterello stendete ancora la pasta facendo incorporare la sugna. Poi piegate a libro formando di nuovo un quadrato. Questo č il primo giro di pasta. Dopo 10-15 minuti stendete ancora la pasta e ripetete tutto come prima. Al terzo giro fate riposare la pasta in frigo per mezz’ora.

Arrivati al sesto giro date alla pasta la forma di un rettangolo molto stretto e stendetela in una striscia stretta e lunga alcuni metri,piegandola morbidamente a fisarmonica,man mano che la stendete. Terminata la prima fase di stesura procedete alla seconda,nella quale dovrete ottenere uno spessore di un millimetro e poi spalmatela di sugna e arrotolatela strettamente su se stessa proseguendo fino ad esaurimento della pasta. Il rotolo dovrą essere di circa 7-8 cm di diametro e 30 di lunghezza e ungerlo con la sugna. Metterlo in frigo per almeno 12 ore. A questo punto prendete il rotolo e tagliatelo a fette di un cm. Prendete la prima fra le mani e muovendo i pollici dal centro verso i bordi e viceversa,stendete le striscioline in modo che si accavallino leggermente tra loro e dandogli la forma di un cono cavo largo alla base:ecco la sfogliatella.

RIPIENO: passate al setaccio ricotta,unitevi lo zucchero a velo,la vanillina,un uovo,il cedro e le scorzette tritate e il semolino raffreddato (preparato con acqua,pizzico di sale,e semolino).
Riempire le sfogliatelle,avvicinate i bordi ed infornatele,controllando continuamente la cottura
 
Pastiera Napoletana
Ingradienti
gr.500 di farina  n.2 uova  n.1,5 tazzine di latte  gr.180 di zucchero gr.150 di burro (meglio se sugna)  un pizzico di bicarbonato
PASTIERA: ripieno

gr.580 di Grano (un barattolo) dl.4 di latte gr.30 di burro (o sugna) gr.500 di ricotta fresca di pecora gr.450 di zucchero n.7 uova (7 tuorli e 4 albumi*) un pizzico di cannella n.1 bustina di vaniglia n.1 fialetta di millefiori  buccia di limone  canditi (a chi piacciono)

Procedimento per la frolla:

Pastiera Napoletana Fare la pasta frolla e farla riposare qualche ora.
In una pentola mettere il grano, la sugna, il latte e qualche buccia di limone. Far cuocere a fuoco lento fino a quando non diventa un composto cremoso, facendo attenzione a non farlo attaccare sul fondo (dopo, ricordarsi di togliere le bucce di limone). In un recipiente passare, col passaverdure, la ricotta; indi aggiungere lo zucchero ad essa e iniziare a lavorare con le fruste elettriche. Intanto, ad uno alla volta, aggiungere i tuorli delle uova (separati precedentemente dagli albumi); poi, ancora, il grano che avete cotto precedentemente e fatto raffreddare (se si preferisce, prima di aggiungere il grano, passarne col passaverdure la metą). Da parte, montare i 4 albumi a neve (*tre dei sette sono da buttare) e aggiungerli al composto insieme a cannella, vaniglia e fialetta di millefiori (e canditi a pezzettini, …ma c’č chi non li gradisce). Continuare ad amalgamare tutto con le fruste.
Foderare un ruoto con la pasta frolla; versare il composto cercando di non superare i 3/4 dell’altezza del ruoto (prevenendo il gonfiore durante la cottura). Con il resto della pasta frolla fare delle strisce e porle a grata come si usa per la crostata. Cuocere per circa un’ora (la cottura dipende dal forno, ma il particolare č superabile tenendo d’occhio il tipico colore biondo scuro). Raggiunta la cottura, spegnere e lasciare il forno leggermente aperto (per l’assestamento del dolce). Far raffreddare ed asciugare la pastiera (qualche giorno dopo sarą pił buona).

 

 

 

Copyright (c) 2002-2010 by PUBLITECH (info@publitech.it)