Ercolano

Ercolano e i suoi Scavi Archeologici

Situata su un promontorio alle pendici del Vesuvio, la cittadina di Ercolano (Herculaneum) all'epoca della grande eruzione del 79 d.C. era una centro satellite della vicina Napoli, a carattere essenzialmente residenziale e non soprattutto commerciale come Pompei.

Fondata dagli Osci nel VII secolo a.C. come apprendiamo da Strabone (ma la tradizione la voleva creata da Ercole, che le avrebbe dato il nome), passò in seguito sotto il dominio degli Etruschi e quindi dei Sanniti. Seguì la stessa sorte di Pompei e, dopo aspre lotte, divenne municipium sotto il dominio di Roma.


Al momento dell'eruzione del Vesuvio, diversamente da Pompei, che fu seppellita da una pioggia di cenere e lapilli, Ercolano venne travolta da una marea di fango e detriti vulcanici, che diedero luogo, solidificandosi, ad una sorta di banco tufaceo durissimo, alto tra gli 8 e i 10 metri, all'interno del quale poterono conservarsi, molto meglio che a Pompei, le parti superiori delle costruzioni e anche tutti i materiali organici, come il legno, i tessuti, i resti del cibo, ecc., per cui ci si offre una visione unica della vita privata antica.


Il re Carlo di Borbone, un appassionato tutore del patrimonio culturale e archeologico napoletano, fece riprendere nel 1738, con ingenti mezzi, gli scavi nel punto in cui li aveva abbandonati il principe d'Elboeuf nel 1709 che aveva ritrovato diverse sculture. Fu così ritrovato il theatrum, che è tuttora accessibile soltanto dai cunicoli settecenteschi non essendo stato nuovamente scavato in epoca recente.

Non lontano fu ritrovata la Basilica, un grande edificio rettangolare anch'esso per lo più ancora sepolto dal fango solidificato. Tra le sue rovine furono rinvenuti degli splendidi affreschi ora custoditi al Museo Archeologico di Napoli, raffiguranti Ercole e Teseo Lo scavo di un pozzo a pochi km ad ovest di Resina condusse a una scoperta importante, una sontuosa villa suburbana, la celebre Villa dei Papiri, edificio tuttora sepolto a una profondità di 20-25 m. Il complesso della villa si estendeva per oltre 250 m. parallelamente alla linea costiera. L'atrio, preceduto da portici, conservava la decorazione parietale.

Più che per la sua struttura architettonica, la villa diventò immediatamente famosa per i suoi straordinari reperti; nell'atrio, lungo i peristili e in alcuni degli ambienti era infatti disposta la più ricca serie di sculture che sia mai stata rinvenuta in un'abitazione privata: 58 sculture in bronzo e 21 in marmo, alcune di grandi dimensioni; ricordiamo tra le tante l'Hermes in riposo, (vedi foto) il gruppo delle Danzatrici, il Sileno ebbro, il Satiro dormiente, i Lottatori, il gruppo di Pan e l'ariete e il cosiddetto Pseudo-Seneca (vedi foto). Il nome della villa le viene dal ritrovamento, in un piccolo ambiente adiacente al peristilio di più di 1700 rotoli di papiro, un'intera biblioteca, in gran parte imballata e chiusa in casse, forse a causa dei lavori di restauro seguenti al terremoto del 62 d.C.
Gli scavi proseguirono con andamento lento e infruttuoso, resi pericolosi dai crolli e dalle esalazioni di gas, furono abbandonati per quelli di Pompei.


INFO UTILI:
Indirizzo
Corso Resina, 1 - 80056 Ercolano (NA)
Telefono 081-7390963
Ufficio informazioni: 081-8575347 (aprile-ottobre, tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 15.00)
Biglietteria: 081-7777008
Per informazioni sulla sezione didattica: 081-8575331
Fax 081-777716992
Ente sovraordinato: Soprintendenza archeologica di Pompei


Orario
dal 1° novembre al 31 marzo: tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 17.00
dal 1° aprile al 31 ottobre: tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 19.30


Ingresso
Singolo (validità 1 giorno)
Intero € 11,00
Ridotto € 5,50
Con accesso a 5 siti (Pompei, Ercolano, Oplonti, Stabia, Boscoreale) - (validità 3 giorni)
Intero: € 20,00
Ridotto: € 10,00 (*)

Gratuito: per i cittadini dell’Unione Europea minori di 18 anni o maggiori di 65 anni (per i non appartenenti all’Unione Europea valgono le condizioni di reciprocità).

(*) Ridotto: per i cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra 18 e 25 anni non compiuti (per i non appartenenti all’Unione Europea valgono le condizioni di reciprocità) e per i docenti delle scuole statali dell’Unione Europea, con incarico a tempo indeterminato.
I biglietti gratuiti e ridotti possono essere rilasciati solo previa presentazione di un valido documento di identità.


Per arrivare
L’area archeologica di Ercolano si trova alle estreme pendici sud-ovest del Vesuvio, su un promontorio che sovrasta la linea costiera, a sud dell’odierno abitato, fino al 1969 chiamato Resina. Dista 14,8 km dall’aeroporto di Napoli-Capodichino.
Chi viaggia in automobile può prendere l’autostrada A3 Napoli-Salerno e uscire a Ercolano.
Per chi viaggia in treno, il Museo dista 700 m dalla stazione della Circumvesuviana di Ercolano-Scavi e 1,6 km dalla stazione FS di Portici-Ercolano.
Per chi utilizza i mezzi pubblici: da Napoli, autolinea 157 e filobus 255.


Audioguide
Il servizio, disponibile in più lingue (italiano, inglese, francese, tedesco e spagnolo), consente al visitatore di scegliere tra itinerari proposti o personalizzati, secondo l’esigenza. Nel periodo novembre-marzo il servizio è attivo tutti i giorni dalle 8.30 alle 17.00; nel periodo aprile-ottobre, tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Per i bambini sono previsti percorsi di visita specifici.
Per gli adulti, il prezzo di un’audioguida singola è 6,50 euro; due o più audioguide costano 5 euro cad.
Per i ragazzi, il prezzo di un’audioguida singola è 4 euro; due o più audioguide costano 3,50 euro cad.


Libreria interna
Nel periodo novembre-marzo, aperta tutti i giorni dalle 8.30 alle 17; nel periodo aprile-ottobre, tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30. Tel.: 081 - 777.7070


Servizi
Servizio di ristoro negli orari di apertura degli scavi.
Servizio di guardaroba gratuito: nel periodo novembre-marzo, tutti i giorni dalle 8.30 alle 17.00; nel periodo aprile-ottobre, tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.30.
Il servizio accoglienza distribuisce gratuitamente una pianta e una guida breve degli scavi di Ercolano e fornisce informazioni turistico-culturali sugli itinerari nelle aree di propria competenza. 





Translator
Info Utili
   Clinica Maria Rosaria
   Via Colle San Bartolomeo, Tel. 081.5359111 
   Pronto Soccorso
   Via Colle San Bartolomeo, Tel. 081.5359111
   Ambulanze
   Croce del Sud, Tel. 081.8505746
   Croce del Sud, Tel. 081.8637380
   Pubblica Sicurezza
   Via Sacra , Tel. 081.8563511 
   Carabinieri
   Via Lepanto, Tel. 081.8506163 
   Vigili Urbani
   Piazza Schettini, Tel. 081.8506164 
   Farmacie 
   --Canale
   Via Lepanto, 9, Tel. 081.8507202 
   --Del Rosario
   Via Sacri Cuori, 140, Tel. 081.8507333
   --Sansone
   Via Nolana, 123, Tel. 081.8506712 
   --Verdura
   Via Roma, Tel. 081.8507264
   Municipio
   Tel. 081.8506000

Non aspettare ancora, richiedi subito la presenza della tua attività all'interno del portale. Richiedi contatto.

Visualizza www.scavidipompei.it in una mappa di dimensioni maggiori