Articoli marcati con tag ‘pompei’

Plinio beveva il Piedirosso Pompeiano


piedirosso_pompeiano

Piedirosso Pompeiano

il Piedirosso ha origini piuttosto incerte, sebbene alcuni ritengano che corrisponda al “Colombina” menzionato da Plinio. Localmente viene denominato “Pér e palummo”, il cui nome deriva dal colore che il trancio assume poco prima del periodo della vendemmia, rosso come quello del “piede” del colombo. Il Piedirosso Pompeiano è un vino dal gusto armonico e corposo, ottenuto con uve Piedirosso coltivate sui declivi del Vesuvio. Di colore rosso rubino e profumo intenso e fruttato, ha un sapore che ricorda frutti rossi maturi e prugna, con lievi sentori di tabacco, caffè e spezie.

————————————————-

Classificazione: IGT rosso
Uvaggio: Piedirosso 100%
Caratteristiche del terreno: vulcanico
Sistema di allevamento: spalliera
Epoca di vendemmia: prima metà di Ottobre
Produzione per ettaro: 80 quintali
Vinificazione: pigiatura soffice, macerazione a temperatura controllata.
Grado alcoolico: 12,5%
Temperatura di servizio: 18°C
Abbinamenti consigliati con il Piedirosso pompeiano I.G.T.: è ideale per accompagnare piatti forti, carni rosse e formaggi stagionati.







1 maggio: aperti i siti archeologici Pompei, Ercolano, Oplontis e Museo Boscoreale


Siti archeologici di Pompei, Ercolano, Oplontis e il Museo di Boscoreale aperti e con ingresso a 1 euro il 1 maggio, “come da disposizione del Ministero per i Beni e le attivita’ culturali”.
Lo comunica la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei.
I siti saranno aperti dalle 8.30 alle 19.30, con ultimo ingresso alle 18. Apertura straordinaria e gratuita anche per la Notte dei Musei del 19 maggio, a partire dalle ore 20 alle ore 2. “A Pompei e’ prevista la sola visita speciale alle Terme Suburbane.
Sara’ possibile visitare, in un percorso guidato, il suggestivo complesso monumentale delle Terme Suburbane, illuminato per l’occasione.
Si tratta di uno degli edifici termali pubblici piu’ imponenti di eta’ imperiale, posto all’ingresso di Porta Marina, un tempo in posizione scenografica sul mare. Le Terme, caratterizzate da una sontuosa decorazione tra cui le pareti dipinte con scene marine della piscina fredda, sono famose anche per gli affreschi a tema erotico che ne decorano lo spogliatoio”.







Luna Rossa in visita a Pompei


Il Team di Luna Rossa a Pompei

Il Team di Luna Rossa a Pompei

Ieri giornata di riposo per tutti i Team dell’America’s Cup. Alcuni componenti di Luna Rossa ne hanno approfittato per visitare Pompei e Castel Sant’Elmo, altri hanno finalmente potuto assaggiare la pizza, tra foto ricordo e autografi di rito.

America’s Cup, calendario delle regate e dirette tv
Il programma (11-15 aprile)
11 aprile – 14:15 – Due regate di flotta (più una terza ‘di riserva’)
12 aprile 12 – 13:30 – Match race (3x); 14:15 – Due regate di flotta
13 aprile 13 – 13:30 – Match race (3x); 14:15 – Due regate di flotta
14 aprile 14 – 13:30 – Match race (semi-finale, finale); 14:15 – Due regate di flotta
15 aprile 15 – 13:50 – AC500 – Gare di velocita’; 14:55 – Una regata di flotta (punteggio ponderato); premiazione AC World Series Championship Napoli
America’s Cup Napoli: programma televisivo
Mercoledì 11 Aprile: 14.00-15.55 Diretta su Italia 2
Giovedi 12 Aprile: 14.00-15.55 Diretta su Italia 2
Venerdì 13 Aprile: 14.00-15.55 Diretta su Italia 2
Sabato 14 Aprile: 14.00-15.55 Diretta su Italia 1
Domenica 15 Aprile: 14.30-16.00 Diretta su Italia 1







Prima edizione del Pompei Cinema Festival


Pompei Cinema Festival

Pompei Cinema Festival

Parte il 23 Settembre la prima edizione del Pompei Cinema Festival, il concorso si pone l’obiettivo di avvicinare le persone all’arte del cinema attraverso occasioni d’incontro tra autori, attori, registi, case di produzione e altri operatori del panorama cinematografico.
Per partecipare al concorso c’e tempo fino al 3 Settembre presentando un cortometraggio ispirato alla tematica fissata dall’organizzazione del Festival.
Trovate il bando del concorso seguendo questo link:

http://www.pompeicinemafestival.it/pdf/bando.pdf

Il concorso – come si legge nel bando pubblicato sul sito ufficiale della manifestazione, www.pompeicinemafestival.it e scaricabile in formato pdf – è rivolto a registi, autori e case di produzione di nazionalità italiana e di soggetti che in ogni caso abbiano compiuto la maggiore età. Possono partecipare al concorso i cortometraggi realizzati interamente sul territorio italiano e che non siano stati prodotti prima del 1 gennaio 2009. La tematica oggetto delle opere è esclusivamente quella sociale. Essendo il concorso aperto solo ai cortometraggi, la durata massima dell´opera non deve superare i 30 minuti comprensivi di titoli di testa e di coda. I film brevi dovranno essere inviati in formato dvd, entro il 3 settembre 2011, alla sede dell´associazione Pompei Cinema Festival, in via G. Melisurgo n. 15, 80133 Napoli, in un plico contenente anche l’accettazione del bando di concorso in ogni sua parte.

Una commissione formata da registi, attori, sceneggiatori e altre figure del settore cinematografico, designata e composta anche dagli organizzatori, effettuerà la selezione delle opere iscritte, decretando la rosa dei cortometraggi vincitori. I premi previsti sono i seguenti: Migliore Cortometraggio, Migliore Regia, Migliore Sceneggiatura, Migliore Fotografia, Migliore Attore Protagonista, Migliore Attrice Protagonista.







Ad Agosto Le Lune di Pompei

Pompei di Notte

Pompei di Notte

POMPEI DI NOTTE FINO AL 21 AGOSTO – Le Lune di Pompei, il percorso notturno all’interno degli scavi dell’antica città vesuviana.  L’offerta si arricchisce anche per la grande richiesta da parte dei visitatori in queste prime due settimane di programmazione”. Nei primi due week-end dopo l’apertura, infatti, sono stati 1.500 i visitatori del percorso notturno alla luce delle fiaccole. Da stasera (12 agosto), Le Lune di Pompei si svolgeranno quindi ogni sera, compresa la serata di ferragosto, fino a domenica 21. La non-stop di ferragosto è stata fortemente voluta anche dal Comune di Pompei e dall’assessorato al Turismo della Regione Campania per arricchire l’offerta di ferragosto per i turisti e per i campani che scelgono di restare in città. Durante le visite del periodo di ferragosto ci saranno anche delle serate a sorpresa con la degustazione di vini dell’azienda vinicola Forno che ha dedicato delle bottiglie speciali all’edizione 2011 delle Lune di Pompei. Ai visitatori verranno offerte delle degustazioni di Lacryma Christi bianco e rosso, Coda di Volpe e Piedirosso.


A Pompei col Casatiello e la Pastiera

Pastiera e Casatiello Napoletano

Pastiera e Casatiello Napoletano nel periodo di Pasqua

E’ Pasqua e come tradizione vuole i Campani si adoperano alla preparazione di prelibatezze Pasquali. Le tavole del popolo Campano saranno ricche di preparazioni tipiche e se chedi ad un napoletano il motivo di tanto fervore beh, lui ti risponde…  “è a tradizion, e pè buon augurio a tavola adda essere chiena chiena!”  è la tradizione, e per augurarci una felice Pasqua la tavola imbandita deve essere ricca.

Tra le tante preparazioni culinarie di Pasqua quelle che la fanno da padrona sono sicuramente “ò Casatiello” Il Casatiello e “ à Pastiera e grano” La Pastiera di Grano, due leccornie preparate con una sorta di meditazione, seguendo scrupolosamente la ricetta tramandata da generazioni.

ScavidiPompei.it vuole omaggiare i suoi visitatori con le stesse ricette e modalità di preparazione.

Ricetta del Casatiello Salato “Rustico”:

Ingredienti per uno stampo da 28 cm:
1 kg di farina 00
500 ml di acqua
25 gr di lievito di birra (ancora meglio se si sostituisce il lievito di birra con 200gr. di Criscito preso in un panificio)
250 gr di strutto
400 gr tra salame tipo napoli,prosciutto cotto e pancetta
400 gr tra pecorino,provolone e fontina
4 uova
sale
pepe
Tempo di preparazione: 50 min
Tempo di cottura: 1 ora
Tempo totale: 1 ora 50 min + 4 ore lievitazione
Procedimento:
Disporre la farina a fontana su una spianatoia.
Sciogliere il lievito in acqua tiepida e aggiungerlo lentamente alla farina.
Iniziare ad impastare per far assorbire man mano l’acqua alla farina.
Aggiungere man mano la sugna facendola assorbire all’impasto (tenetene un pò da parte per ungere il ruoto e per cospargere il tutto prima di infornarlo), aggiungere poco sale e una bella manciata di pepe.
Lavorare a lungo l’impasto in modo molto energetico aggiungendo man mano la sugna.
Formare una palla con l’impasto, disporlo su una spianatoia e fate lievitare l’impasto per 1 ora circa.
Ricetta Casatiello Rustico

Preparazione Casatiello Rustico

Stendete l’impasto su una spianatoia infarinata con uno spessore di 1 cm circa. (Lasciate da parte un pò di pasta per le striscioline)
Disponete su tutta la superficie della pasta  il ripieno (gli affettati e i formaggi vanno tagliati a dadini), spolverizzate con il pecorino.
Farcitura Casatiello

Farcitura Casatiello

Arrotolate con delicatezza il più strettamente possibile.
Ungete lo stampo da casatiello con abbondante strutto, disponetevi il rotolo di pasta a ciambella, unendone bene le estremità.
Fate dei buchi ad intervalli regolari e disponetevi dentro le uova lavate e asciugate.Fermate le uova con delle striscioline incrociate fatte con la pasta che avete tenuto da parte.
Ungete il casatiello con lo strutto su tutta la sua superficie e fatelo lievitare per tutta la notte ( per velocizzare i tempi potete farlo crescere per 3 ore in un luogo caldo coperto con un canovaccio).
Infornare il casatiello napoletano in forno preriscaldato a 160° per un’oretta.
Lasciar intiepidire il casatiello, tagliare a fette e servire.


Scavi di Pompei aperti a Natale

Pompei a Natale e il primo Gennaio Aperti al pubblico
I siti archeologici vesuviani, Pompei, Ercolano, Oplontis, Boscoreale e Stabia si potranno visitare anche a Natale (25 Dicembre) e il primo dell’anno (1 Gennaio). L’apertura nel corso dei giorni festivi per eccellenza è prevista insieme ad alcune facilitazioni. Negli Scavi di  Pompei, alle terme suburbane si potrà entrare senza richiesta di prenotazione fatta on line. Gli scavi di Ercolano, daranno accesso al padiglione della Barca con  l’esposizione di reperti marinari. A Oplontis, si visita la villa di Pompea con un percorso didattico proposto. Nell’Antiquarium di Boscoreale sarà visibile, per la prima volta, l’affresco di Bacco Sacrificante, proveniente dalla di Asellius, rinvenuta tra il 1903 e il 1904 sulle pendici occidentali della collina della Pisanella. (23/12/10)


Ancora Crolli a Pompei

Non si fermano i crolli all’interno degli Scavi Archeologici di Pompei. Un nuovo crollo avvenuto sotto la pioggia battente di questi giorni.
Ben 7 metri di muro perimetrale crollano e per fortuna nessun affresco faceva parte di quella parete.
Le cause del crollo. Secondo il ministero dei Beni culturali il cedimento avvenuto questa mattina all’interno della domus, “che ha riguardato un tratto di mura di cinta in tufo e calcare già crollato nel corso dei pesanti bombardamenti dell’aviazione statunitense nella notte tra il 19 e il 20 settembre 1943 e completamente rifatto all’indomani della guerra, è da attribuirsi alle incessanti piogge di questi giorni che stanno interessando il Meridione e in particolare la Campania e pertanto il Ministro ha dato incarico al Soprintendente e al direttore dei lavori di continuare nell’opera di monitoraggio del sito”. Intanto il ministro ha convocato, per il pomeriggio di giovedì prossimo, una riunione al Mibac per la costituzione di una Fondazione di diritto privato per la gestione del sito archeologico. Saranno presenti il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, il direttore generale del Mibac per la Valorizzazione, Mario Resca, il capo di gabinetto del ministro, Salvatore Nastasi, il segretario generale Roberto Cecchi, il nuovo direttore generale per l’Archeologia Luigi Malnati, il sovrintendente archeologico di Napoli e Pompei, il capo ufficio legislativo Paolo Carpentieri e il notaio Enrico Bellezza, maggior esperto in italia in materia di Fondazioni di diritto privato.


Le Lune di Pompei

Le Lune di Pompei è un emozionante percorso alla scoperta degli Scavi Archeologici di Pompei, realizzato con luci, suoni e voci fuori campo. Il visitatore è condotto nella suggestione di un viaggio in cui la luce prende corpo come le parole, i graffiti, le persone, prima ombre fuggevoli sui muri, poi sagome che vissero i luoghi, persone immemori del loro futuro, colte nel limbo della pre-eruzione, che semplicemente ci condurranno nelle loro vicende giornaliere.
IL PERCORSO:
Le Lune di Pompei è un emozionante percorso alla scoperta degli Scavi Archeologici di Pompei, realizzato con luci, suoni e voci fuori campo. Il visitatore è condotto nella suggestione di un viaggio in cui la luce prende corpo come le parole, i graffiti, le persone, prima ombre fuggevoli sui muri, poi sagome che vissero i luoghi, persone immemori del loro futuro, colte nel limbo della pre-eruzione, che semplicemente ci condurranno nelle loro vicende giornaliere.
Il percorso prende l’avvio dalla Necropoli di Porta Nocera dove dall’alto si scorge Luna della Morte che dà il benvenuto ai visitatori.
Si prosegue lungo la strada che attraversa la necropoli per giunge sulle mura antiche della città, dove avranno luogo proiezioni virtuali, e successivamente all’Orto dei fuggiaschi in cui giacciono i calchi di alcuni inermi testimoni della tragedia che colpì la città.
Ci si incammina verso via dell’Abbondanza, visitando lungo il tragitto la casa del Profumiere, su via Nocera, e poi, accompagnati da rumori di fondo e voci diverse che restituiscono l’antica vitalità di una delle strade più animate di Pompei, si passa alla scoperta di alcune delle domus più suggestive: la casa di Ottavio Quartione e quella della Venere in Conchiglia
Si prosegue infine verso l’Anfiteatro, dove grandi proiezioni si alternano tra loro, a ricordarci che il modo di divertirsi in quei luoghi nel passato non era molto diverso da quello che viviamo noi oggi, in un parallelo forte e suggestivo, che riporta l’emozione di ogni visitatore a quella che lì , 2000 anni prima, qualcun altro aveva provato.
Guida d’eccezione lungo tutto il percorso è la straordinaria voce dell’attore Luca Ward, che sembra condurre il pubblico, attraverso la luce di ben sette lune (la Luna della Morte, la Luna Virtuale, la Luna della Speranza, la Luna del Successo, la Luna della Vita, la Luna del Mistero, la Luna che non c’è, la Luna che si diverte), in una realtà parallela, il cui solo scopo è quello di vivere e far rivivere Pompei.